venerdì 18 marzo 2011

Κοντάκιον τοῦ Ἀκαθίστου Ὕμνου: Ti ypermaxo



Con la dedica espressa nel Kondàkion si apre ogni celebrazione dell'Akathistos. Tale pezzo si ripete in ognuna delle quattro sezioni in cui l'inno è distribuito nell'ufficiatura liturgica.

Τη υπερμάχω στρατηγώ τα νικητήρια,

ως λυτρωθείσα των δεινών, ευχαριστήρια

αναγράφω σοι η Πόλις σου, Θεοτόκε·

αλλ' ως έχουσα το κράτος απροσμάχητον,

εκ παντοίων με κινδύνων ελευθέρωσον,

ίνα κράζω σοι,

Χαίρε, νύμφη ανύμφευτε




A
lla stratega condottiera vada il premio della vittoria,

poiche' mi hai riscattata da tremende sventure. I canti di ringraziamento

[io] tua citta' ti dedico, o Genitrice di Dio.

Fa' in modo che l'Impero non venga vinto

e liberami da ogni pericolo

affinche' ti acclami: "Gioisci, sposa non sposata!






Nessun commento:

Posta un commento